• 339 4858179 - Laura
  • info@dacgiussanomusica.it

Duck Junior Band

2006 gruppo DAC

L’idea di offrire agli allievi dei Corsi di Musica DAC uno stimolo in più per studiare e migliorarsi viene da lontano. Molto tempo fa esisteva già una specie di pre-banda, grazie soprattutto a dei volenterosi musicanti che si mettevano a disposizione degli allievi, per aiutarli ad avvicinarsi all’ambiente della banda.

Nel 2004 il buon numero di iscritti, la crescente qualità degli insegnamenti ed una migliore organizzazione della scuola hanno creato la situazione ideale per dare forma ad una vera “bandina”.
Da allora il numero di elementi e le capacità musicali della junior band sono cresciuti, con grande orgoglio del Maestro Stefano Sala, il direttore della band. Inoltre il grande spirito di aggregazione di allievi, maestro e responsabili, e naturalmente la voglia di suonare e divertirsi, hanno da subito creato un ambiente simpatico ed accogliente.

juniorlogo

La scelta del nome di un gruppo è sempre un elemento importante, l’idea è venuta per l’assonanza tra la pronuncia della parola inglese “Duck”, che significa anatra, ed il nome DAC, abbreviazione di Don Antonio Consonni, il fondatore del Corpo Musicale.
Dal nome “Duck”derivano anche il logo con l’anatroccolo (immagine a fianco) ed il motto “Ascolta le anatre”, spesso utilizzato nelle presentazioni al pubblico.

La Duck Junior Band annovera già diverse esibizioni, proponendosi spesso come grande attrattiva per i ragazzi interessati al mondo delle bande e della musica di insieme.

L’attività annuale della Junior Band si articola in prove settimanali di un ora e mezza, esibizioni per la promozione dei corsi, concerti e naturalmente il saggio di chiusura dei corsi, dove ogni allievo ha la possibilità di dimostrare le proprie capacità musicali, in gruppo e da solista.

La bella idea dei responsabili DAC ha preso forma e cammina già con passo veloce, e non ha tardato a dare i primi frutti: gli allievi che infatti sono entrati in banda dopo aver suonato nella DUCK hanno dimostrato una maggiore capacità di adattamento all’ambiente bandistico, ed una maturità, nella lettura delle partiture e nella disciplina di studio, quasi da veterani.